Benessere e piacere sono correlati alla liberazione di cosiddetti NEUROTRASMETTITORI (li aiutano anche alcuni ORMONI) che sono sostanze che trasportano le informazione tra una cellula nervosa e l’altra. In effetti, cosa succede se ci si trova di fronte ad un qualcosa o ad una persona piacevole? Quando ci piace qualcosa o ci troviamo di fronte ad una persona piacevole, il nostro sistema nervoso rilascia DOPAMINA, un neurotrasmettitore per l’appunto, correlato alla sensazione di piacere e dunque di benessere. La dopamina, in particolare, ha un’azione di midriasi , cioè fa dilatare le pupille degli occhi.
Guardare una persona negli occhi, e vedere le pupille più dilatate, indipendentemente dalla luce, potrebbe essere un segno che la persona che ci sta di fronte, sta apprezzando piacevolmente noi o quello che stiamo facendo. L’emozione davanti a qualcosa o qualcuno che ci piace e che ci rende euforici libera anche la serotonina, un altro tipo di neurotrasmettitore. Queste sostanze influenzano anche le nostre ghiandole del sudore. Ecco allora che, quando siamo a tu per tu con qualcuno che ci piace… il sudore è una certezza. Quando qualcosa ci piace, ci piace molto, ancora, il nostro cervello libera degli ormoni (sono un altro tipo di trasmettitori chimici del nostro organismo). Uno di questi è l’adrenalina, che ci porta ad avere più voglia di parlare e comunicare e cercare un contatto con chi ci piace. Nei rapporti umani, dunque possono esserci dei segnali , consequenziali alla liberazione di tali neurotrasmettitori che ci possono far capire se la persona con cui siamo di fronte ha piacere ad interagire con noi o meno.
Dunque, se chi ci sta di fronte non sta zitto/a un istante , ci possono essere solo due motivi: o è un inguaribile chiacchierone oppure… gli/le piacciamo. Se poi ha le pupille dilatate o involontariamente esegue i nostri stessi gesti (fenomeno del “mirroring” , letteralmente: rispecchiarsi ), significa che gli siamo più che gradevoli ed anzi cerca di essere altrettanto, involontariamente, imitandoci. Tutto ciò che è spontaneo e naturale, è dovuto ai nostri neurotrasmettitori. Alla fine, in senso lato, se si ha una sensazione di benessere a fare qualcosa, a frequentare amici , mangiare, bere, fare sport ed altro ancora, fatelo che aiuta la vostra salute ! Il tutto però può essere relativo : quello che piace a qualcuno può non avere alcun effetto ad alcun altro…

Commenta usando Facebook
Tagged
Dott. Giuseppe Imbornone
Specialista in Chir. Generale, Senologo, Dottore di Ricerca , Diploma SIUMB in Ecografia Clinica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.