cover-look-da-sfilata-16-desktop-1200x425

ABBIGLIAMENTO:

Mal costume ….buon costume…. o cosa????
Mi guardo attorno e non posso fare in meno di notare quante persone usano un abbigliamento poco consono al luogo di dove si presenzia. Ok la libertà di espressione, ma, il buon gusto dove lo mettiamo????
LAVORO Sì a tailleur, vestiti castigati (considerati però meno formali), gonne al ginocchio o lunghe, scarpe col tacco basso, pettinature normali e trucco non appariscente, meglio se tendente al naturale. La cosa migliore è vestirsi con sobrietà senza dimenticarci le novità della moda però.
Dunque no alle scollature audaci, alle gonne troppo corte, all’ombelico bene in vista, ai calzoni con la vita eccessivamente bassa, ai tacchi a spillo, all’esposizione di curve troppo procaci, alle pettinature e ai trucchi troppo vistosi. Meglio le scarpe chiuse perchè sembra che il piede nudo sia troppo provocante.Niente tacchi a spillo: una donna in ufficio deve farsi valere per quello che è dal punto di vista dell’efficienza, delle capacità organizzative, della qualità del suo sapere e non certo per le sue forme procaci. Ecco.

                                                                               Un abito dovrebbe essere stretto abbastanza per mostrare che sei una donna e sufficientemente morbido da provare che sei una signora.
(Edith Head)

Commenta usando Facebook
Tagged
Rosanna
Consulente del Benessere Eliosnatura, si occupa di alimentazione, cura della persona e di patologie mediche attraverso l'uso di prodotti del tutto naturali. Il suo punto di forza è il binomio “alimentazione e buona salute”, fattore sottolineato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che considera nutrizione adeguata e salute diritti umani fondamentali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.